L’Anno Mille (1): il mito della fine del mondo

Jules Michelet, nella sua “Storia di Francia”, pubblicata nel 1833, scrisse che “Nel Medioevo era credenza universale che il mondo dovesse finire con l’anno mille dall’ incarnazione“.

MedioevoGriots9
Questa affermazione da ormai quasi due secoli fa discutere storici e studiosi, poiché  i terrori che avrebbero accompagnato l’anno mille sono ancora luoghi comuni nella cultura e nella storiografia corrente. Ma in effetti per l’uomo di quell’epoca la fine del mondo non era certo inverosimile, poiché i miracoli, le leggende, il meraviglioso e la superstizione facevano parte della vita comune. E allora perché non credere che in mezzo a tante visioni, apparizioni, prodigi e magie il mondo una bella mattina non si sarebbe dissolto? Cerchiamo allora di capire come nasce questa attesa della fine del mondo intorno all’anno mille.

MedioevoGriots10
Cominciamo con il dire che la maggior parte della popolazione non sapeva nemmeno in che anno si trovasse a vivere: non tutti i calendari in Europa  erano sincronizzati  e si  contavano i giorni o alla maniera dei Visigoti o alla maniera dei Romani, con idi e calende. Fu solo la riforma gregoriana che pose fine a questo caos.

MedioevoGriots1
In effetti è su poche fonti scritte che poggia la teoria dello storico Michelet. In particolare il testimone più letto e citato è Rodolfo il Glabro (cioè  il Calvo), monaco letterato e viaggiatore, amico del grande riformatore Guglielmo da Volpiano (che nacque  all’Isola di San Giulio di Orta durante l’assedio dell’Imperatore Ottone alla regina Villa). Rodolfo scrisse nel 1048 i cinque libri delle sue “Storie”.

MedioevoGriots8
Per Rodolfo l’anno mille era tanto importante che, alla fine del secondo libro, dopo aver ricordato carestie, prodigi ed eresie, citando il capitolo XX  dell’Apocalisse di San Giovanni,scrisse: “Questi segni concordano con la profezia di Giovanni, secondo la quale Satana sarà liberato dalle catene dopo che saranno compiuti mille  anni“. Nel suo quarto libro troviamo ancora questo accenno, riferito però all’anno 1033: “Si credeva che l’ordine degli elementi e delle stagioni, che regnava dall’inizio dei secoli passati, fosse ritornato per sempre al caos, e che fosse la fine del genere umano“. Questa è  forse la frase chiave, quella che ha creato, secoli dopo, la leggenda del terrore dell’anno mille (da notare solo che questa affermazione fu scritta nel 1048 e si riferiva ad avvenimenti del 1033).

MedioevoGriots2
Non c’è niente altro che confermi la presunta ondata di paura attorno all’anno mille. Scrisse il grande storico Georges Duby (“Mille è non più mille”, Rizzoli,  1999 ):”I terrori  dell’anno mille sono frutto di una leggenda romantica. Gli storici del XIX secolo hanno pensato bene di ricostruire l’attesa dell’anno mille in termini di panico collettivo, ma hanno falsato la realtà delle cose“.
Sgombrato dunque il campo da questo falso mito, vedremo nei prossimi articoli come vivevano le popolazioni in quei tempi difficili, tenebrosi, ma pieni di fascino per noi oggi.

Pietro
Laureato in ingegneria meccanica al Politecnico di Torino, per parecchi anni è stato dirigente di azienda. In seguito ha messo a frutto la sua passione per i viaggi divenendo imprenditore nel settore del turismo. Ha visitato molti paesi per lavoro e per diletto. Ritiratosi da ogni attività, coltiva tuttora la passione per i viaggi e per la scrittura.
---
FONDATORE DI GRIOTS - STORIE SOTTO I BAOBAB
Pietro on FacebookPietro on Google

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*